Serie D: Voltone è fatale per Podenzano, ora due gare casalinghe per ritrovarsi

Voltone – Podenzano 83 – 67  (18-10, 34-30, 58-51)

Altra trasferta bolognese per Podenzano Bakery e seconda sconfitta consecutiva per i ragazzi di coach Coppeta. Stavolta per tanti demeriti, più che meriti avversari, capaci di una partita grintosa e cinica, necessaria per risollevarsi dagli zero punti finora incamerati.

La gara parte in modo equilibrato e molto promettente per i gialloblù, ma dopo pochi minuti è Voltone che trova il ritmo, mentre la paura frena le azioni dei piacentini. 10 a 18 dopo i primi dieci minuti, con Nicolò Guerra autore di 9 dei 10 punti segnati.

Secondo quarto che cambia volto: Voltone esaltato arriva anche a +15, ma la caparbietà dei ragazzi, e un ritmo che sembra finalmente avviato, permettono di arrivare sotto: 34 a 30 per i locali e partita apertissima.

Anche dopo l’intervallo Pode non è in grado di scavalcare Voltone: si arriva a 1 punto, un errore, cambio possesso e una tripla dei padroni di casa da 8 metri al 24’ secondo: da qui cambia la gara; Podenzano crolla psicologicamente, Voltone ci crede e all’inizio del quarto periodo piazza un parziale di 13-0 che taglia le gambe a Podenzano e chiude il match fino alla sirena finale.

Ora il calendario mostra due partite casalinghe, mercoledì 20 con Magik e venerdì 22 con Nubilaria, quantomeno fondamentali per dare una svolta di rendimento.

Monti, El Agbani 3, Carini, Calzi 5, Galli 13, Bossi 9, Guerra 20, Noé 2, Chiozza 2, Coppeta G. 8, Petrov 5.   All. Coppeta C. / Simone Libé

post

Serie D: Notte fonda per Podenzano, con Veni Basket è una brutta battuta d’arresto

Veni Basket – Podenzano 81-54 (26-8, 39-17, 56-30)

Dopo la serie di due vittorie maturate nelle ultime giornate, per Podenzano Bakery arriva uno schiaffone amaro a San Pietro in Casale per merito della Veni Basket, compagine molto giovane ma di ottime qualità individuali. 

La gara parte subito in salita con i padroni di casa che piazzano due triple e contengono le azioni dei gialloblu con una difesa molto aggressiva e un ritmo alto. Sul 10-1 per i locali, coach Coppeta deve già fermare il gioco per il primo timeout. Purtroppo la musica non cambia: il primo quarto si chiude 26-8 per Veni, e nonostante nel secondo quarto le percentuali calino leggermente, si va all’intervallo con 22 punti di distacco.

Dopo l’intervallo, un terzo periodo surreale dove Veni segna praticamente solo da 3 punti (un eccezionale 16 su 31 dall’arco per Veni), lasciando le briciole per Podenzano Bakery soltanto nell’ultimo periodo che si ferma a 54 punti. 

Bisognerà metabolizzare subito la sconfitta perché mercoledì ci sarà il turno infrasettimanale, a Podenzano, con Magik Parma e poi sabato prossimo l’importantissima trasferta con Voltone, ancora ferma a zero punti.

El Agbani 3, Carini 10, Calzi 5, Galli 4, Bossi, Guerra 2, Noé 2, Chiozza 6, Villa 6, Coppeta G. 3, Petrov 2, Orlandi 11.   All. Coppeta C. / Simone Libé

post

Serie D: Podenzano Bakery vince ancora, 70-63 su Cavriago

Podenzano 70 – Cavriago 63  (21-19, 43-31, 59-51)

Con il morale alto dalla vittoria in trasferta nella terra bolognese ai danni di Calderara, Pode Bakery ospita Cavriago, ferma a 2 punti. Un occasione, contro una probabile diretta concorrente, per portare a casa altri 2 punti e confermare le buone cose viste nel fine settimana scorsa.

Sugli spalti il pubblico delle grandi occasioni: la tribuna del Pala Valla di Podenzano è gremita, tanto da dover costringere anche ai posti in piedi.

Gran ritmo fin dai primi minuti, gli ospiti reggiani dell’ex Leonardo Stellato non intendono regalare vita facile. Il primo quarto si chiude sul 21 a 19 per i locali. Nel secondo quarto c’è il decisivo allungo: si arriva anche a essere 16 punti sopra e si va all’intervallo sul 43 a 31.

Nel secondo tempo i punteggi si abbassano decisamente, Cavriago tenta di farsi sotto ma i giallo blu mantengono i 7 / 8 punti di allungo fino alla fine della contesa, chiusa a 70 – 63.

In evidenza il giovane 2001 “Zak” El Agbani, autore di 16 punti con una percentuale del 57% dall’arco dei 3 punti.

Monti, El Agbani 16, Carini 8, Calzi 2, Galli 6, Bossi 4, Guerra 3, Noé 3, Chiozza 3, Coppeta G. 5, Petrov 10, Orlandi 10.   All. Coppeta C. / Simone Libé

post

Serie D: Podenzano Bakery espugna Calderara, vince e convince

Era una delle classiche gare “da vincere”, per uscire dalla striscia negativa di tre sconfitte, di cui due casalinghe, e per ridare morale a tutti i ragazzi e al gruppo.

Preparata con grande concentrazione e impegno, la partita parte col piede giusto: buona circolazione di palla e retine che si gonfiano regalando un certo ottimismo. Dopo i primi dieci minuti il punteggio segna 16-11 per Pode, con Guerra e Coppeta che sembrano in serata. Il secondo parziale rispecchia lo stesso copione, anzi i gialloblu sono anche più profilici, andando negli spogliatoi sul 40 a 27.

L’entusiasmo è palpabile, ma il rientro in campo regala una brutta sorpresa: Podenzano si addormenta, commette errori, palle perse e i bolognesi si fanno sotto. Anche pericolosamente, arrivando fino al -5, facendo tornare i fantasmi delle settimane scorse.

Solo il sangue freddo dei ragazzi, nota positiva della gara, permette di rimettere qualche punticino di distacco fino ai 2 minuti finali della partita, dove Calderara si spegne e Podenzano allunga fino al +10.

El Agbani 2, Carini 3, Calzi 5, Marafetti n.e., Galli 10, Guerra 14, Noé 14, Chiozza 2, Coppeta G. 16, Petrov 12. All. Coppeta C. / Simone Libé

post

Serie D: La Torre espugna Podenzano nei minuti finali, 61-78

Dopo la sconfitta casalinga di venerdì scorso, la Podenzano Bakery si presenta sul campo motivata a mostrare miglioramenti dopo una intensa settimana di allenamenti. La gara parte in modo equilibrato e dopo aver preso le misure, Pode inizia a inanellare punti anche grazie a un Giulio Coppeta molto incisivo. 23-19 alla fine dei primi 10 minuti. Nel secondo La Torre accorcia le distanze con un abile gioco di esterni e tiri da 3 punti, portandosi a +1 nell’intervallo. Al rientro dagli spogliatoi la partita diventa interlocutoria, tanti errori, pochi attacchi portati a termine e il punteggio ne risente. Ma i reggiani continuano a guadagnare terreno, anche se minino, portandosi su 46-51 alla fine del 3° quarto. Nulla è deciso e tutto è possibile.

Il quarto periodo mostra quello che non ti aspetti: nei primi 5 minuti Pode bakery non trova mai il ferro, difeso strenuamente dai reggiani che non lasciano idee ai locali. Ne approfittano quindi per allungare con un paio di canestri più fallo, che tagliano le gambe ai gialloblu e suggellano lo strappo decisivo, conducendo la partita fino al termine.

El Agbani 5, Carini 8, Calzi, Galli, Bossi, Guerra 16, Noé, Chiozza 3, Coppeta G. 15, Petrov 7, Orlandi 7. All. Coppeta C. / Simone Libé