post

Serie D: Podenzano soffre ma la spunta, con Nubilaria è una vittoria tutto cuore


Podenzano – Nubilaria 73 – 69  (18-21, 34-45, 48-62)

Gara vietata per i deboli di cuore: Nubilaria arriva a Podenzano dopo 3 vittorie consecutive di cui una sul campo difficile di Carpi, secondi in classifica; Podenzano Bakery mostra per buona parte della gara le ormai croniche difficoltà a prendere in mano la gara, a parte i primi minuti di notevole intensità, ma negli ultimi 10 minuti sfoggerà un’estasiante prestazione, segnando un parziale di 25-7 che porterà alla vittoria tra le urla festanti dei circa 100 spettatori presenti al Pala Valla, compresi i tanti ragazzi del minibasket di Podenzano che hanno accompagnato i ragazzi con un tifo degno di categorie superiori.

La partita nei primi minuti si mette bene: il play Daniele Bossi infila i primi 5 punti e Petrov consolida nel pitturato, per il 9 a 2 iniziale. Da qui, Nubilaria Novellara ritrova il bandolo della matassa e rosicchia punti, portandosi nel corso della prima frazione in vantaggio di 3. La storia continua simile fino all’intervallo, dove gli ospiti chiudono sopra di circa 10 punti. 

Coach Claudio Coppeta è già senza voce: nella pausa il mantra è uno solo, bisogna spingere, bisogna alzare il ritmo, ma nonostante le difficoltà sembra esserci la carica giusta negli occhi dei gialloblu.

Nonostante questo, la terza frazione non segna ancora la svolta: Nubilaria non lascia spazio alle iniziative, a volte ingenue e frettolose, dei locali.  Si arriva anche a -5, ma troppe palle perse e contropiedi rispediscono avanti Mariani Cerati e compagni che chiudono con 14 punti di vantaggio al 30’.

Il cambio di direzione avviene dopo un paio di minuti dell’ultima frazione: Bossi, miglior marcatore, piazza la tripla del -7, poco dopo replica “Zak” El Agbani e Pode si fa sotto a -4. Gli ospiti tentano di strappare con un’altra bomba dall’arco, ma Bossi, ancora 3 punti, la rispedisce al mittente. Fasi di gioco concitate, il pubblico alza la voce con cori e trombette tanto da rendere difficoltoso a volte anche sentire i fischi degli arbitri.

Cambio veloce, esce Noé ed entra Giulio Coppeta: schema, tripla dal vertice e palla nella retina: poco dopo altri 2 punti sempre dal capitano e Pode passa in vantaggio. Negli ultimi minuti battaglia tra time out e falli tattici, ma altri due punti segnati da tiro libero con Zakaria El Agbani suggellano il punteggio finale e una vittoria importantissima che fa tornare il sorriso.

Monti 3, El Agbani 11, Carini 6, Calzi 3, Galli 7, Bossi 14, Guerra 7, Noé 2, Chiozza 3, Coppeta G. 9, Petrov 8.   All. Coppeta C. / Simone Libé

Serie D: Voltone è fatale per Podenzano, ora due gare casalinghe per ritrovarsi

Voltone – Podenzano 83 – 67  (18-10, 34-30, 58-51)

Altra trasferta bolognese per Podenzano Bakery e seconda sconfitta consecutiva per i ragazzi di coach Coppeta. Stavolta per tanti demeriti, più che meriti avversari, capaci di una partita grintosa e cinica, necessaria per risollevarsi dagli zero punti finora incamerati.

La gara parte in modo equilibrato e molto promettente per i gialloblù, ma dopo pochi minuti è Voltone che trova il ritmo, mentre la paura frena le azioni dei piacentini. 10 a 18 dopo i primi dieci minuti, con Nicolò Guerra autore di 9 dei 10 punti segnati.

Secondo quarto che cambia volto: Voltone esaltato arriva anche a +15, ma la caparbietà dei ragazzi, e un ritmo che sembra finalmente avviato, permettono di arrivare sotto: 34 a 30 per i locali e partita apertissima.

Anche dopo l’intervallo Pode non è in grado di scavalcare Voltone: si arriva a 1 punto, un errore, cambio possesso e una tripla dei padroni di casa da 8 metri al 24’ secondo: da qui cambia la gara; Podenzano crolla psicologicamente, Voltone ci crede e all’inizio del quarto periodo piazza un parziale di 13-0 che taglia le gambe a Podenzano e chiude il match fino alla sirena finale.

Ora il calendario mostra due partite casalinghe, mercoledì 20 con Magik e venerdì 22 con Nubilaria, quantomeno fondamentali per dare una svolta di rendimento.

Monti, El Agbani 3, Carini, Calzi 5, Galli 13, Bossi 9, Guerra 20, Noé 2, Chiozza 2, Coppeta G. 8, Petrov 5.   All. Coppeta C. / Simone Libé

post

Serie D: Notte fonda per Podenzano, con Veni Basket è una brutta battuta d’arresto

Veni Basket – Podenzano 81-54 (26-8, 39-17, 56-30)

Dopo la serie di due vittorie maturate nelle ultime giornate, per Podenzano Bakery arriva uno schiaffone amaro a San Pietro in Casale per merito della Veni Basket, compagine molto giovane ma di ottime qualità individuali. 

La gara parte subito in salita con i padroni di casa che piazzano due triple e contengono le azioni dei gialloblu con una difesa molto aggressiva e un ritmo alto. Sul 10-1 per i locali, coach Coppeta deve già fermare il gioco per il primo timeout. Purtroppo la musica non cambia: il primo quarto si chiude 26-8 per Veni, e nonostante nel secondo quarto le percentuali calino leggermente, si va all’intervallo con 22 punti di distacco.

Dopo l’intervallo, un terzo periodo surreale dove Veni segna praticamente solo da 3 punti (un eccezionale 16 su 31 dall’arco per Veni), lasciando le briciole per Podenzano Bakery soltanto nell’ultimo periodo che si ferma a 54 punti. 

Bisognerà metabolizzare subito la sconfitta perché mercoledì ci sarà il turno infrasettimanale, a Podenzano, con Magik Parma e poi sabato prossimo l’importantissima trasferta con Voltone, ancora ferma a zero punti.

El Agbani 3, Carini 10, Calzi 5, Galli 4, Bossi, Guerra 2, Noé 2, Chiozza 6, Villa 6, Coppeta G. 3, Petrov 2, Orlandi 11.   All. Coppeta C. / Simone Libé

post

Serie D: Podenzano Bakery vince ancora, 70-63 su Cavriago

Podenzano 70 – Cavriago 63  (21-19, 43-31, 59-51)

Con il morale alto dalla vittoria in trasferta nella terra bolognese ai danni di Calderara, Pode Bakery ospita Cavriago, ferma a 2 punti. Un occasione, contro una probabile diretta concorrente, per portare a casa altri 2 punti e confermare le buone cose viste nel fine settimana scorsa.

Sugli spalti il pubblico delle grandi occasioni: la tribuna del Pala Valla di Podenzano è gremita, tanto da dover costringere anche ai posti in piedi.

Gran ritmo fin dai primi minuti, gli ospiti reggiani dell’ex Leonardo Stellato non intendono regalare vita facile. Il primo quarto si chiude sul 21 a 19 per i locali. Nel secondo quarto c’è il decisivo allungo: si arriva anche a essere 16 punti sopra e si va all’intervallo sul 43 a 31.

Nel secondo tempo i punteggi si abbassano decisamente, Cavriago tenta di farsi sotto ma i giallo blu mantengono i 7 / 8 punti di allungo fino alla fine della contesa, chiusa a 70 – 63.

In evidenza il giovane 2001 “Zak” El Agbani, autore di 16 punti con una percentuale del 57% dall’arco dei 3 punti.

Monti, El Agbani 16, Carini 8, Calzi 2, Galli 6, Bossi 4, Guerra 3, Noé 3, Chiozza 3, Coppeta G. 5, Petrov 10, Orlandi 10.   All. Coppeta C. / Simone Libé