post

Serie D: Occasione persa per Podenzano, con Pallavicini è una sconfitta che pesa

Antal Pallavicini – Podenzano: 68 – 55  (20-17, 41-27, 48-50, 68-55)

Entrambe a 10 punti in classifica, la gara di sabato sera a Villa Pallavicini di Borgo Panigale poteva essere per Podenzano Bakery una ghiotta occasione per scansare una diretta concorrente.

Gara partita tiepida nei primi minuti, prende ritmo dopo poco: Antal allunga ma Pode resta in scia, grazie ai canestri di Guerra e El Agbani. Nella seconda frazione invece i locali azzurro-amaranto mantengono buone segnature dove invece Podenzano fatica a trovare soluzioni offensive: si va al riposo a -13.

Coach Coppeta perde la voce nell’intervallo: l’arrabbiatura negli spogliatoi serve evidentemente ai gialloblu che nel terzo periodo chiudono ogni strada ai locali mentre producono fantasiose azioni e ottimi canestri, trascinati da capitan Giulio Coppeta e da ‘Pepi’ Petrov che, dolorante a una caviglia, gioca da vero trascinatore: il quarto si chiude 23 a 7 per Pode, a +2.

Ma qui finiscono le energie, non tanto fisiche ma soprattutto mentali; la rimonta non si porta a compimento, e Pallavicini riprende a macinare punti come nella prima parte di gara mentre Podenzano ricade nel tradizione black-out offensivo, condito da troppi errori sotto canestro.

Venerdì prossimo la difficile trasferta contro La Torre dovrà essere approcciata con un altro spirito.

Monti, El Agbani 6, Carini 1, Calzi 2, Galli 4, Bossi 5, Guerra 10, Noé, Chiozza 2, Villa 6, Coppeta G. 13, Petrov 6.  All. Coppeta C. / Scherz / Libé

post

Serie D: Podenzano sconfitta a Reggio, ma segnali di ripresa

BasketReggio – Podenzano 80 – 69 (30-13, 53-31, 65-44)

Grande apprensione in casa Podenzano Bakery dopo la batosta subita nella trasferta di Ferrara, coincisa con l’ultima giornata di andata. Era necessaria una svolta, mentale soprattutto, per resettare e ripartire nel girone di ritorno di slancio, con l’obiettivo di portare a casa i punti necessari alla salvezza.

Invece la gara a Reggio parte nel peggiore dei modi: i locali allungano subito finendo i primi 10 minuti con 17 punti di vantaggio. La paura la fa da padrona, nonostante il rientro in quintetto la giovane guardia Nicolò Guerra che da qualche giornata è costantemente il miglior marcatore.

All’intervallo la situazione non muta: Basketreggio è avanti di 22. Dopo la pausa lunga qualcosa però cambia, cominciano a entrare canestri e si riprende un po’ di consapevolezza, così che nella terza frazione (parziale 12-13) ma soprattutto nella quarta (parziale 15-25) si inizia a intravedere il gioco che ha contraddistinto i gialloblù a inizio stagione. Nonostante la sconfitta, coach Coppeta ha qualcosa di positivo su cui lavorare in settimana, preparando l’importantissima gara con Carpi di venerdì prossimo a Podenzano.

Bossi D. 6, Calzi F. 3, Carini A. 4, Chiozza M. 11, Coppeta G. 6, El Agbani Z. 8, Galli F. 9, Guerra N. 16, Monti A., Noè A. 6, Petrov P. 0,  All. Coppeta C. / Simone Libé

post

Serie D: Podenzano cade in casa con l’esperto Vignola

Podenzano – Vignola 63 – 85 (14-19, 43-38, 51-63)

Proseguono le difficoltà di Podenzano Bakery che si ritrova, a una giornata alla fine del girone di andata, invischiato nelle retrovie della serie D emiliana.

Al palazzetto di Podenzano arriva Vignola, compagine nel gruppo di testa con 14 punti: i bolognesi vantano nelle loro file giocatori di caratura decisamente superiore rispetto ai giovani talenti di Podenzano, molti di loro alla prima esperienza tra i senior.

La gara parte comunque punto a punto, ranghi serrati e fasi di studio; la difesa gialloblu è sempre piuttosto ballerina e Vignola approfitta per piazzare qualche tripla mentre non riesce a farsi strada in area, blindata come richiesto da coach Coppeta.

Il secondo periodo è entusiasmante per Pode: 29 punti segnati con addirittura il 50% da 3 punti, grazie ad alcuni minuti sopra le righe del miglior marcatore, il 2001 Nicolò Guerra.

Rientrando dall’intervallo a +5, ci si aspetta una partita intensa, ma arriva purtroppo un blackout dei locali che coincide con un forte aumento di intensità e di gioco degli ospiti. Vignola piazza uno strappo deciso che non verrà più rimarginato, anche perché i tentativi di capitan Giulio Coppeta e compagni diminuiscono sensibilmente: non si trovano spazi, idee, soluzioni: poche occasioni si traducono in pochissimi punti e Vignola si trova avanti anche di 29 punti nell’ultimo quarto, divario leggermente colmato nel finale.

Monti 2, El Agbani 7, Carini 2, Calzi 10, Galli 5, Bossi 1, Guerra 19, Noé 2, Chiozza 4, Villa 3, Coppeta G. 5, Petrov 3.   All. Coppeta C. / Simone Libé

Serie D: Voltone è fatale per Podenzano, ora due gare casalinghe per ritrovarsi

Voltone – Podenzano 83 – 67  (18-10, 34-30, 58-51)

Altra trasferta bolognese per Podenzano Bakery e seconda sconfitta consecutiva per i ragazzi di coach Coppeta. Stavolta per tanti demeriti, più che meriti avversari, capaci di una partita grintosa e cinica, necessaria per risollevarsi dagli zero punti finora incamerati.

La gara parte in modo equilibrato e molto promettente per i gialloblù, ma dopo pochi minuti è Voltone che trova il ritmo, mentre la paura frena le azioni dei piacentini. 10 a 18 dopo i primi dieci minuti, con Nicolò Guerra autore di 9 dei 10 punti segnati.

Secondo quarto che cambia volto: Voltone esaltato arriva anche a +15, ma la caparbietà dei ragazzi, e un ritmo che sembra finalmente avviato, permettono di arrivare sotto: 34 a 30 per i locali e partita apertissima.

Anche dopo l’intervallo Pode non è in grado di scavalcare Voltone: si arriva a 1 punto, un errore, cambio possesso e una tripla dei padroni di casa da 8 metri al 24’ secondo: da qui cambia la gara; Podenzano crolla psicologicamente, Voltone ci crede e all’inizio del quarto periodo piazza un parziale di 13-0 che taglia le gambe a Podenzano e chiude il match fino alla sirena finale.

Ora il calendario mostra due partite casalinghe, mercoledì 20 con Magik e venerdì 22 con Nubilaria, quantomeno fondamentali per dare una svolta di rendimento.

Monti, El Agbani 3, Carini, Calzi 5, Galli 13, Bossi 9, Guerra 20, Noé 2, Chiozza 2, Coppeta G. 8, Petrov 5.   All. Coppeta C. / Simone Libé